Reichardia Picroides

di Enrico Martini

Cominciamo subito con un errore. Scopritelo. Non avete voglia di lavorare? È un vostro diritto. Lavorerò io per voi. L’immagine vi mostra non un fiore ma un’infiorescenza. Consideriamo la comune margheritina o pratolina (Bellis perennis):

qui la differenza tra i fiori è palese: i periferici, di colore bianco, hanno una forma allungata a linguetta (“ligulati”); quelli centrali (“del disco”) sono gialli; i primi sono fiori femminili e portano, alla loro base, un ovario, i secondi presentano entrambe le strutture, maschili e femminili (“ermafroditi”). La differenza si nota poco se tutti i fiori hanno il medesimo colore, come nella prima immagine.

Un’infiorescenza come quelle che vi ho presentato si chiama “capolino” ed è tipica della famiglia delle Asteracee (o Composite, nome non corretto, da abbandonare).

Come riconoscere la pianta della prima immagine? Tante asteracee presentano capolini simili. Ve ne mostro un’altra, il taràssaco, soffione, dente di cane o -ehm, ehm- “piscia a letto” (per le proprietà diuretiche delle foglie se consumate in abbondanza in insalata). Eccovi un’immagine di capolini di un tarassaco (Taraxacum officinale).

Ed eccovi pure un’immagine del capolino di un grespino spinoso (Sonchus asper).

Impariamo a riconoscere la prima pianta: si tratta di un’asteracea comune nei prati più o meno aridi, su bordi di sentieri e ambienti consimili, la reicardia o grattalingua comune (Reichardia picroides). Perché l’ho scelta per rompere il ghiaccio in questa nuova rubrica del sito del nostro Pro Natura? Perché è facile riconoscerla e fare sfoggio di cultura botanica . Intanto vi mostro l’immagine di un esemplare intero.

Ed ecco l’astuzia: la grattalingua ha sullo stelo tutta una serie di squamette a forma di triangolo isoscele, più o meno distanziate. Eccovene la prova.

SEI GIA' SOCIO?

Ti invitiamo a versare la tua quota annuale entro il mese di febbraio di ogni anno al fine di poter consentire all'Associazione di svolgere regolarmente le sue attività. La quota annuale, invariata da ben più di 10 anni, ammonta a soli 22€ e ti dà diritto a ricevere il nostro Notiziario trimestrale, ad accedere gratuitamente al museo G.Doria tramite la tessera dell'associazione, oltre che a farti contribuire alla difesa della Natura.

Non sei ancora Socio? Valuta se diventarlo!

Pro Natura Genova offre gratuitamente una serie di servizi alla cittadinanza: i "Martedì Pro Natura", conferenze gratuite ed aperte a tutti tenute da insigni oratori presso il museo G.Doria (o, in emergenza Covid, online tramite il web), un sito web sempre aggiornato (www.pronaturagenova.it) con interessanti interventi e aggiornamenti sulle nostre "battaglie", nonchè alcuni corsi come ad esempio quello di fotografia naturalistica. Tutto questo comporta uno sforzo organizzativo ed economico: perchè non decidere di far parte della nostra "famiglia" e di sostenerci facendovi soci?

Come versare la quota

  • compilare un normale bollettino postale intestando il versamento sul C/C 14757165 a Pro Natura Genova, via Brigata Liguria, 9 - 16121 Genova, indicando nella causale: “quota associativa 202X.” (la X va sostituita con l'anno di cui si effettua il versamento)
  • effettuare un bonifico in banca o anche dal proprio PC al seguente IBAN: IT28Q0760101400000014757165 con stessa intestazione e causale.
  • direttamente in Sede quando terminerà l'emergenza Covid nei giorni e orari che verranno comunicati
  • se desideri diventare un nuovo socio scrivici a info@pronaturagenova.it, sarai in contatto con noi e ti forniremo tutti i chiarimenti necessari