Pill 1

Enrico Martini

Cominciamo con un mugugno: perché tanti dicono e scrivono “metereologia”? Risposta: perché non conoscono l’italiano. I termini corretti sono meteorologia (e meteorologi).

Proseguiamo. Di che materia sono fatte le nuvole?

Tante volte mi sono sentito rispondere dai miei studenti: “da vapore acqueo”.

Risposta errata! Il vapore acqueo non si vede: quando scoperchiamo una pentola piena di acqua che bolle, quello che si alza è un gran numero di minute goccioline di acqua.

Semplifichiamo. Le nuvole basse e non troppo spesse sono fatte di gocce d’acqua. Quelle alte e non troppo spesse sono fatte di aghetti di ghiaccio. Esiste anche un tipo di nuvole a notevole sviluppo verticale: si chiama “cumulonembo” e porta temporali, grandinate, folate di vento impetuose; un cumulonembo può raggiungere uno spessore di 12-13 chilometri (all’equatore anche di 18) ed è composto nella parte inferiore da gocce d’acqua, in quella superiore da aghetti di ghiaccio. Eccovi l’immagine di un bel cumulonembo: sembra mansueto ma solo perché la parte superiore è bene illuminata dal sole: sotto è meglio non trovarvisi.

Guardate cosa si sta preparando …

Meglio farsi solo sfiorare dal cataclisma! Lo scroscio d’acqua appare un po’ obliquo ed in effetti lo è, perché spostato dal forte vento che spira da destra.

E ora esaminiamo le nuvole in questa nuova immagine: sono dei “cumuli”. Un cumulo è innocuo a meno che, nel corso della giornata, non si trasformi in un cumulonembo.

Vi siete mai accorti che è facile vedere cumuli che hanno la parte alta chiara e quella bassa più o meno scura?

I miei studenti, di fronte a questa domanda, atteggiavano il volto alla stupefazione (e già questo mi diceva quanto desto e acuto fosse il loro spirito di osservazione).

Domanda successiva: perché la parte bassa è più scura di quella superiore? Risposta all’unisono: perché lì, per forza di gravità, si concentra la maggior quantità di gocce d’acqua e quindi pioverà.

Risposta errata! La parte bassa è più scura solo perché non ci batte il sole. Ci avevate mai pensato?

Occhi aperti e antenne attivate per captare messaggi da quello che ci circonda!

SEI GIA' SOCIO?

Ti invitiamo a versare la tua quota annuale entro il mese di febbraio di ogni anno al fine di poter consentire all'Associazione di svolgere regolarmente le sue attività. La quota annuale, invariata da ben più di 10 anni, ammonta a soli 22€ e ti dà diritto a ricevere il nostro Notiziario trimestrale, ad accedere gratuitamente al museo G.Doria tramite la tessera dell'associazione, oltre che a farti contribuire alla difesa della Natura.

Non sei ancora Socio? Valuta se diventarlo!

Pro Natura Genova offre gratuitamente una serie di servizi alla cittadinanza: i "Martedì Pro Natura", conferenze gratuite ed aperte a tutti tenute da insigni oratori presso il museo G.Doria (o, in emergenza Covid, online tramite il web), un sito web sempre aggiornato (www.pronaturagenova.it) con interessanti interventi e aggiornamenti sulle nostre "battaglie", nonchè alcuni corsi come ad esempio quello di fotografia naturalistica. Tutto questo comporta uno sforzo organizzativo ed economico: perchè non decidere di far parte della nostra "famiglia" e di sostenerci facendovi soci?

Come versare la quota

  • compilare un normale bollettino postale intestando il versamento sul C/C 14757165 a Pro Natura Genova, via Brigata Liguria, 9 - 16121 Genova, indicando nella causale: “quota associativa 202X.” (la X va sostituita con l'anno di cui si effettua il versamento)
  • effettuare un bonifico in banca o anche dal proprio PC al seguente IBAN: IT28Q0760101400000014757165 con stessa intestazione e causale.
  • direttamente in Sede quando terminerà l'emergenza Covid nei giorni e orari che verranno comunicati
  • se desideri diventare un nuovo socio scrivici a info@pronaturagenova.it, sarai in contatto con noi e ti forniremo tutti i chiarimenti necessari